I Da Romano: fra storia e mito (parte sesta) - Conclusione - Destra Brenta
861
post-template-default,single,single-post,postid-861,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

I Da Romano: fra storia e mito (parte sesta) – Conclusione

Lo scopo del nostro elaborato è stato quello di passare brevemente in rassegna la storiografia sui da Romano. Il taglio ampio è stato voluto per poter sconfinare più facilmente dalla verità storica e per lasciarci influenzare dalla “verità” mitica; in maniera un po’ paradossale crediamo che sia da indagare la seconda (l’aspetto politico-propagandistico prima e quello mitopoietico dopo) per vedere la prima con più lucidità. Questo processo è stato seguito in crescendo durante gli studi sulla materia effettuati nel Novecento.

L’influsso mitopoietico si è manifestato sin dall’origine nell’opera dei diversi cronisti. Solo il vicentino e ghibellino Maurisio ha dato una lettura, di parte, ma dentro parametri normalizzanti quanto meno per l’epoca; è vero che comunque il Maurisio muore prima della svolta autoritaria di Ezzelino. Parisio da Cerea ci racconta soprattutto di Verona e pur essendo meno estremo dei padovani è anch’egli legato alla pars Comitum. Ben diverso è invece il rapporto dei padovani guelfi: Rolandino e l’Anonimo monaco padovano sono i divulgatori della “versione ufficiale”. Il vae vicits è imposto in maniera straordinariamente efficace in particolare per la. En passant abbiamo evidenziato come anche i cronisti ghibellini sono poco motivati a difendere la memoria dei da Romano, troppo autonomi per essere visti esclusivamente come fedeli soldati dell’Impero. 

Come già specificato da voci autorevoli le categorie guelfo-ghibellino non sono sufficienti a spiegare le dinamiche cittadine e ancora meno ci aiutano a capire le dinamiche regionali della Marca ezzeliniana. È un momento storico complesso: la “coscienza del sistema” è combattuta tra fedeltà alla famiglia e fedeltà alla città; il risultato più evidente è la creazione di “partiti” ma non è un processo né omogeneo né lineare e gli esiti sono molto diversi a seconda della singola realtà comunale.

Ad ogni modo la demonizzazione del da Romano raggiunge l’apice ad inizio Trecento, ad opera del padovano Mussato, figura letteraria di primo piano che esalta la demonizzazione di Ezzelino. L’idea di Mussato è quella di colpire un nuovo tiranno, Cangrande della Scala, paragonandolo al Tiranno veneto per antonomasia. Questo ennesimo eccesso ha un effetto inaspettato: muove il gran protetto del della Scala, l’Alighieri. Questa “tenzone” letteraria-culturale-politica ha una funzione importante non tanto nel riabilitare storicamente la figura dei da Romano ma nel “sublimarla” letterariamente: a farlo diventare oggetto di poesia e letteratura, da questo momento il ricordo degli Ezzelini è tenuto in vita dalla letteratura, fermo restando il giudizio della leggenda nera.

Un importante momento di svolta avviene con il Verci, storico, illuminista e bassanese; poniamo questi tre aggettivi in ordine di importanza. L’essere storico, formato nello Studium patavino, adotto al metodo storico muratoriano, gli dà metodo e strumenti per porre in atto la sua opera. Sappiamo che è proprio questo un momento in cui la storia comincia a riflettere su sé stessa e ad essere più “scientifica”. Possiamo poi definirlo moderatamente illuminista quel che basta per uscire dalle categorie pedagogiche ma non sempre veritiere della storiografia guelfa. Infine bassanese, ritorna il legame al luogo di appartenenza che motiva lo storico ad affrontare gli Ezzelini e successivamente l’intera storia della Marca.

È un bassanese “adottato”, il Brentari che affianca, per la prima volta, alla cultura alta la cultura bassa. Con lui avviene un passaggio fondamentale che dà una chiave di lettura più completa per indirizzare il crudo dato storiografico: l’analisi dell’apporto mitico, popolare, folklorico. Anche lui è aiutato dallo spirito dell’epoca: nell’Ottocento la frattura che si è creata con l’Illuminismo fra ragione e sentimento cerca di ricomporsi, lo spirito romantico aiuta poi a guardare con uno sguardo meno ideologizzato il Medioevo. Il Brentari incarna quello spirito “risorgimentale” che vede nella Chiesa romana il principale nemico, più temibile dello stesso occupante austriaco, ricordiamo infatti che sminuisce li mito dell’Ezzelino tedesco e innalza l’Ezzelino nemico della pars Ecclesiae. 

Nel XX secolo la storiografia non si accontentata più del dato fattuale ma riflette su sé stessa, cerca le cause più profonde e meno evidenti; il metodo di ricerca si allarga toccando tutti i campi dell’”umano”. Prendono il via nuovi lavori di analisi e di sintesi, madrina di questo processo è la storica -bassanese- Gina Fasoli; il suo apporto è a nostro avviso fondamentale per indirizzare il percorso che prenderanno tutti gli studi successivi i quali  non nascondono di avere proprio nel primo incontro il fondamento di tutto ciò che sarà edificato successivamente. 

Fin dai primi incontri inizia un processo di revisione della storia dei da Romano che vengono normalizzati e inquadrati nei processi del Duecento e poi approfonditi nei loro tratti peculiari. Questo avviene in maniera più lucida e strutturata nei Nuovi studi ezzeliniani e soggiace nelle analisi del catalogo della mostra del 1998. Principale stimolo di questo processo non sono nuove scoperte storiche o archeologiche ma il lascito umano e culturale dei da Romano rimasto vivo nel dato mitico e folklorico. L’approfondimento della cultura bassa e la revisione della figura di Ezzelino e della sua famiglia vanno di pari passo e si alimentano reciprocamente. Protagonista di questa evoluzione non è solo l’esperienza folklorica o del sapere popolare locale ma anche storici legati al territorio bassanese e le amministrazioni locali soprattutto fra gli anni Ottanta e Novanta in cui gli investimenti sulla cultura erano ancora possibili.

In ultima analisi possiamo dire che la cultura bassa popolare è la vera protagonista della nostra ricerca: durante il corso della storia ha svolto un costante lavoro di contaminazione della cultura alta (accademica e istituzionale) e infine, nel secondo Novecento, è stata la causa profonda della revisione del giudizio storico su Ezzelino III e i da Romano. 

BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA

Arnaldi Girolamo, I cronisti della Marca Trevigiana, Studi Ezzeliniani (a cura di G. Fasoli), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1963

Arnaldi Girolamo, Studi sui cronisti della Marca Trevigiana nell’età di Ezzelino da Romano, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1963

Arnaldi Girolamo, Scuole nella Marca trevigiana e a Venezia nel secolo XIII, Storia della cultura veneta. Dalle origini al Trecento, Neri Pozza Editore, 1976

Arnaldi Girolamo, Capo Lidia, I cronisti di Venezia e della Marca Trevigiana dalle origini alla fine del secolo XIII, Storia della cultura veneta. Dalle origini al Trecento, Neri Pozza Editore, 1976

Bocchi Francesca, Analisi quantitativa del patrimonio di Ezzelino III da Romano, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Bortolami Sante, Ezzelino III, Enciclopedia Federiciana, http://www.treccani.it/enciclopedia/ezzelino-iii-da-romano_%28Federiciana%29/, 2005 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Bortolami Sante, “Honor civitatis” Società comunale ed esperienze di governo signorile nella Padova ezzeliniana, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Bortolami Sante, Fra “alte domus” e “populares homines”: il Comune di Padova e il suo sviluppo prima di Ezzelino, Storia e cultura a Padova nell’età di Sant’Antonio, Istituto per la Storia ecclesiastica padovana, 1985

Bosisio Matteo, Mussato medievale: le cronache della Marca trevigiana come supporto ideologico all’Ecerinis, Chroniques italiennes, -, 2013

Brentari Ottone, Storia di Bassano, Bassano, 1884

Brentari Ottone, Eccelino da romano nella mente del popolo e nella poesia, Padova, 1888

Castagnetti Andrea, Dalla Marca veronese alla Marca trevigiana, Istituzioni, società e potere nella Marca Trevigiana e Veronese (secoli XIII-XIV). Sulle tracce di G.B. Verci (a cura di Ortalli e Knapton), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1988

Castagnetti Andrea, La Marca veronese-trevigiana (XI-XIV s.), Storia d’Italia (a cura G. Galasso) Vol. 7.1 Comuni e Signorie Italia Nordorientale, Utet, 1987

Castagnetti Andrea, Le famiglie comitali della Marca veronese, Nuovi Studi Storici – 39. Atti del secondo convegno di Pisa: 3-4 dicembre 1993. Roma, 1996, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1996

Castagnetti Andrea, I da Romano e la loro ascesa politica (1074-1207), Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Castagnetti Andrea, L’età precomunale e la prima età comunale (1024-1213), Il Veneto nel medioevo. Dai Comuni cittadini al predominio scaligero nella Marca, Banca Popolare di Verona, 1991

Chemin Angelo, Le vie di comunicazioni nel Veneto medievale, Il Veneto nel Medioevo. Centro Studio Ponzio di Cluny, Il Prato, 2010

Cracco Giorgio, Dove “le cose raccontano” di piú: la produzione veneta di Gina Fasoli, Tra Venezia e terraferma. Per la storia del Veneto regione del mondo, Viella, 2009

Cracco Giorgio, Introduzione al convegno, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Cracco Giorgio, Il grande assalto. Storia di Ezzelino , Marsilio, 2016

Cracco Giorgio, Famiglie e comuni nella Marca dei da Romano, Istituzioni, società e potere nella Marca Trevigiana e Veronese (secoli XIII-XIV). Sulle tracce di G.B. Verci (a cura di Ortalli e Knapton), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1988

De Sandre Gasparini Giuseppina, Ezzelino e la Chiesa veronese, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

De Sandre Gasparini Giuseppina, Istituzione vita religiosa nelle Chiese venete tra XII e XIV secolo., Il Veneto nel medioevo. Dai Comuni cittadini al predominio scaligero nella Marca, Banca Popolare di Verona, 1991

Fasoli Gina, Signoria feudale ed autonomie locali, Studi Ezzeliniani (a cura di G. Fasoli), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1963

Fasoli Gina, Dalla preistoria al dominio veneto, Storia di Bassano, Bassano, 1980

Fasoli Gina, Ceti dominanti nelle città dell’Italia centrosettentriolnale fra X e XII secolo, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Fasoli Gina, Ezzelino da Romano, fra tradizione cronachistica e revisione storiografica, Storia e cultura a Padova nell’età di Sant’Antonio, Istituto per la Storia ecclesiastica padovana, 1985

Ferrero Marco, Le prime manifestazioni comunali: Verona, Padova, Vicenza, Il Veneto nel Medioevo. Centro Studio Ponzio di Cluny, Il Prato, 2010

Ferrero Marco, Un’importante raltà politico-istituzionale: la Marca Veronese, Il Veneto nel Medioevo. Centro Studio Ponzio di Cluny, Il Prato, 2010

Fiorese Flavio, Maurisio Gerardo, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/gerardo-maurisio_(Dizionario-Biografico)/, 2008 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Gaffuri Laura, “In diebus suis cessavit predicatio”. Predicazione e società al tempo di Ezzelino III da Romano, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Gianola Giovanna M., La fortuna letteraria. Ezzelino e i suoi nei “componimenti misti di storia e d’invenzione”, Ezzelini. Signori della Marca nel cuore dell’Impero di Federico II (a cura di C. Bertelli e G. Marcadella), Bassano, 2001

Lomastro Tognato Francesca, I Minori nella Marca dei da Romano, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Manselli Raoul, Ezzelino da Romano. Nella politica italiana nel secolo XIII, Studi Ezzeliniani (a cura di G. Fasoli), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1963

Marcadella Giovanni, Le ragioni di questa mostra, Ezzelini. Signori della Marca nel cuore dell’Impero di Federico II (a cura di C. Bertelli e G. Marcadella), Bassano, 2001

Mor Carlo Guido, Dominus Eccerinus. Aspetti di una forma presignorile, Studi Ezzeliniani (a cura di G. Fasoli), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1963

Morsoletto Antonio, Aspetti e momenti del regime ezzeliniano a Vicenza, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Muraro Michelangelo, L’arte nella Marca al tempo dei da Romano, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Ortalli Gherardo, Dalla leggenda alla storia, Ezzelini. Signori della Marca nel cuore dell’Impero di Federico II (a cura di C. Bertelli e G. Marcadella), Bassano, 2001

Ortalli Gherardo, Fra leggenda e realtà: la lunga vita del mito ezzeliniano, Ezzelini. Signori della Marca nel cuore dell’Impero di Federico II (a cura di C. Bertelli e G. Marcadella), Bassano, 2001

Ortalli Gherardo, Ezzelino: genesi e sviluppo di un mito, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Ortalli Gherardo, Introduzione al convegno, Istituzioni, società e potere nella Marca Trevigiana e Veronese (secoli XIII-XIV). Sulle tracce di G.B. Verci (a cura di Ortalli e Knapton), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1988

Peron Gianfelice, Una congiura del silenzione: testi letterari e fine dei da Romano, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Polizzi Carlo F., Ezzelino da Romano. Signoria territoriale e comune cittadino, Comune di Romano d’Ezzelino, 1989

Polizzi Carlo F., Alberico da Romano. Tiranni e popolo nella Marca Trevigiana, Comune di Romano d’Ezzelino, 1987

Pozza Marco, Venezia ed Ezzelino III da Romano (1228-1237), Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Rigon Antonio, Religione e politica al tempo dei da Romano. Giordano Forzatè e la tradizione agiografica antiezzeliniana., Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Rigon Antonio, Ezzelino II, Enciclopedia Federiciana, http://www.treccani.it/enciclopedia/ezzelino-ii-da-romano-il-monaco_%28Federiciana%29/, 2005 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Rippe Gerard, La logica della proscrizione: la pars degli estensi a Padova, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Scarmoncin Franco, Tra Comune e Signoria a Bassano: alcuni aspetti di un complesso rapporto, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Settia Aldo, Uomini e armi negli eserciti ezzeliniani, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Simonetti Remi, Ezzelino I, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/ezzelino-i-da-romano_%28Dizionario-Biografico%29/, 2017 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Simonetti Remi, Ezzelino II, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/ezzelino-ii-da-romano_%28Dizionario-Biografico%29/, 2017 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Simonetti Remi, Ezzelino III, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/ezzelino-iii-da-romano_%28Dizionario-Biografico%29/, 2017 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Suitner Gianna, L’architettura religiosa medievale nel Veneto di terraferma (1024-1329), Il Veneto nel medioevo. Dai Comuni cittadini al predominio scaligero nella Marca, Banca Popolare di Verona, 1991

Tadini Francesca, La leggenda ezzeliniana e la perpetuazione del mito, Ezzelini. Signori della Marca nel cuore dell’Impero di Federico II (a cura di C. Bertelli e G. Marcadella), Bassano, 2001

Toschi Paolo, Ezzelino da Romano nella leggenda, Studi Ezzeliniani (a cura di G. Fasoli), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1963

Varanini Gian Maria, Parisio da Cerea, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/parisio-da-cerea_(Dizionario-Biografico)/, 2014 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Varanini Gian Maria, Il Comune di Verona, la società cittadina ed Ezzelino III da Romano, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Varanini Gian Maria, Istituzioni, società e politica nel Veneto dal comune alla signoria (secolo XIII – 1329), Il Veneto nel medioevo. Dai Comuni cittadini al predominio scaligero nella Marca, Banca Popolare di Verona, 1991

Vinco Da Sesso Giambattista, Scuola e cultura, Storia di Bassano, Bassano, 1980

Voltmer Ernst, I da Romano e l’Impero, Nuovi studi Ezzeliniani (a cura di G. Cracco), Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1992

Zabbia Marino, Rolandino da Padova, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/rolandino-da-padova_(Dizionario-Biografico)/, 2017 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Zabbia Marino, Mussato Albertino, Dizionario Biografico degli Italiani, http://www.treccani.it/enciclopedia/albertino-mussato_(Dizionario-Biografico)/, 2012 (ultima visualizzazione 04/09/2020)

Zabbia Marino, Il mito di Ezzelino. Le cronache, Ezzelini. Signori della Marca nel cuore dell’Impero di Federico II (a cura di C. Bertelli e G. Marcadella), Bassano, 2001

No Comments

Post A Comment