“Cultura Sovversiva Bassanese” - resoconto presentazione - Destra Brenta
249
post-template-default,single,single-post,postid-249,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

“Cultura Sovversiva Bassanese” – resoconto presentazione

Destra Brenta - associazione culturale - Bassano del Grappa - Resoconto presentazione

Questa mattina si è svolta presso la sede dell’associazione la presentazione del rinnovato progetto culturale legato alla destra giovanile bassanese. Il coordinatore Alessandro Galvanetti ha ricordato la storia dell’associazione e i suoi scopi.

Destra Brenta è un cantiere culturale che nasce nei primi anni 2000 a Bassano del Grappa come reazione giovanile alla virulenza di quei fenomeni sociali complessi legati alla globalizzazione e alla modernità, e a quelle istituzioni e  sistemi politici nazionali e transnazionali che tendono ad imporli (mass media, Stato, Chiesa moderna, UE, ONU, WTO …). 

Lo scopo dell’associazione è di dimostrare, esempi alla mano, che un’altra scala di valori, un’altra società, un altro mondo sono stati possibili. Questo non significa un anacronistico ritorno alle istituzioni o ai sistemi politici del passato bensì il ritorno ad una scala di valori “eterna” poiché legata alla stessa natura dell’uomo e che è stata la forza motrice delle società fino a qualche decennio fa.

L’associazione si muoverà su due fronti il primo nella produzione di articoli a difesa delle identità, del nostro modello culturale, del nostro “cultural heritage”, in particolare del bassanese; il secondo nell’organizzare conferenza che abbiano le stesse finalità. In calendario: Fabrizio Fratus (progetto “Il Talebano”), Marcello De Angelis (politico, giornalista, cantautore), Marco Carucci (presentazione delle graphic novel Ferrogallico), Alberto Rauli (presentazione del libro La Fiamma di Vicenza).

No Comments

Post A Comment