COVID E PROTESTE - Destra Brenta
835
post-template-default,single,single-post,postid-835,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

COVID E PROTESTE

In questi giorni abbiamo partecipato alle proteste a fianco dei commercianti sia a Bassano che a Vicenza.
I motivi sono diversi. Sicuramente da buoni popolani-populisti siamo spinti da un vivo sentimento di solidarietà verso i nostri connazionali in difficoltà, tanto più se ad essere colpita è la solita classe media (pochi giorni fa la stampa evidenziava come in questa “rosea epoca neo-liberista” anche il virus e i lockdown aiutano i ricchi ad essere più ricchi).
Ma il motivo principale per darci alla Piazza resta però la critica al Palazzo, alla “petalosa” cultura egemone.
La crisi è ben profonda e antica ma questo momento difficile poteva essere gestito come un’opportunità per l’intero paese dato che udite.. udite.. ci era persino permesso di fare debito. Ebbene questo momento sarà ricordato per un riordino degli asset strategici? per la riorganizzazione delle vie di comunicazione? perché è stato riformato lo stato sociale? quanto meno per un po’ di investimenti sugli ospedali? a questo punto andrebbe bene anche un green new deal..
Potrebbe… e invece no.. il 2020 sarà ricordato come l’anno dei banchi a rotelle e dei monopattini.. l’anno in cui i “refugees” arrivano con barboncino e cappello di paglia, con intenzioni pacifiche che poi però a causa della nostra ingratitudine si trasformano in intenzioni “islamo-fasciste”.. l’anno in cui un ddl Zan potrà dare, ad una magistratura largamente compromessa, ulteriori strumenti di persecuzione di chi non è allineato..
Se le cose continuano così non andrà tutto bene…

No Comments

Post A Comment