CONSIDERAZIONI POST-ELETTORALI - Destra Brenta
820
post-template-default,single,single-post,postid-820,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

CONSIDERAZIONI POST-ELETTORALI

Possiamo descrivere questa campagna elettorale come dura e sofferta, vissuta con piglio militante ma anche goliardico, allietata da alcuni momenti particolarmente frizzanti.
Come Destra Brenta c’eravamo impegnati a portare 500 preferenze nel bassanese a Vincenzo Forte, cioè nella zona più ostica della provincia, e siamo riusciti ad onorare questo impegno insieme agli amici di FdI e al pugnace Nicola Giangregorio.
Al di là di questa magra consolazione non vediamo altre gioie: né nel risultato referendario (vittoria di Pirro dei grillini), né nelle elezioni regionali prese complessivamente (che in ultima analisi rafforzano il governo), tanto meno nel derby con i nostri diretti “avversari” di partito, d’altronde nulla potevamo contro una tale valanga di preferenze.
Fedeli alla posizione tenuta finora ci congratuliamo con i vincitori ed in particolare con l’”altra” destra vincitrice a cui auguriamo di rappresentare temerariamente quei valori che condividiamo.

No Comments

Post A Comment