Ammazzare un fascista non è reato? - Destra Brenta
656
post-template-default,single,single-post,postid-656,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-11.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Ammazzare un fascista non è reato?

In merito alla maxi rissa di sabato 12 ottobre, Destra Brenta prende posizione attraverso il Presidente Alessandro Galvanetti che dichiara: ”Dalle prime ricostruzioni sembra che la strada del movente politico non sia da escludere, non solo perché l’unico ferito della rissa è Tobia Zonta, militante storico della destra bassanese al quale esprimiamo solidarietà e una pronta guarigione, ma anche perché proprio nel locale 2 di picche era in corso dalle h14.30 un aperitivo ska-reggae, successivamente seguito da un concerto al Vinile. Chiunque ha una minima conoscenza delle sottoculture giovanili, ma basta anche una veloce ricerca sul web, sa che a questi eventi partecipano sharp (SkinHeads Against Racial Prejudice) e red skin”.

“Alla luce di questo troviamo quantomeno sgradevole il comportamento del PD sui fatti di sabato che dopo poche ore ricostruiva la faccenda per il proprio tornaconto politico, tacendo completamente dell’evento e quindi della forte presenza di personaggi riconducibili a centri sociali e alla sinistra radicale. Se una persona non sa è meglio che taccia, se una persona sa e appositamente nasconde è un bugiardo”.

“Da qualche tempo, da quando il centro sinistra è andato all’opposizione in città, sembra che stia aumentando l’odio politico. Non più tardi di qualche giorno fa sono apparse delle scritte che si prendevano beffa del nostro ex presidente Pietrosante. Trovare l’esaltato che passa dalla bomboletta alla violenza può non essere così difficile”.

Conclude Galvanetti: “Invitiamo l’Amministrazione comunale a condannare, oltre all’episodio di violenza che non fa bene all’immagine della città in termini di sicurezza, il clima d’odio perpetrato dalla sinistra cittadina, un clima d’odio ideologico che abbiamo già visto in campagna elettorale, che riporta ad anni tristi. Ci domandiamo: come mai al nostro annuale torneo di calcetto, evento comunitario che si svolge dal 2013, troviamo ogni anno un presidio di forze dell’ordine e ad un evento organizzato dall’estrema sinistra in pieno centro storico non vi era nemmeno una pattuglia della Polizia Locale?”.

No Comments

Post A Comment